Salvini: "Renzi farà comunque saltare il tavolo"

Share

Salvini:

Per Matteo Salvini, leader della Lega, "il governo tedesco, quello francese, la Commissione Europea, banchieri, finanzieri, borse e multinazionali: sono tutti avvoltoi famelici che dicono votate sì e che svolazzano sulla Costituzione italiana".

"Sia che vinca il 'Sì' sia che vinca il 'No' Matteo Renzi farà saltare il tavolo comunque".

"Io ringrazio Prodi: il suo "Sì "porterà tanta e tanta gente che pensava di non votare a votare "No".

In attesa di conoscere l'esito delle urne, Salvini ha le idee chiare sul timing per arrivare alle elezioni: "Mattarella proverà a fare due o tre governi contando su una pattuglia di parlamentari che non vuole andare al voto", ecco perché il segretario del Carroccio senza giri di parole dice di non nutrire molta fiducia nei confronti del Presidente della Repubblica: "Non gli firmerei un assegno in bianco, non mi fido ciecamente di nessuno". "Perché lui obbedisce ai poteri forti e loro lo sostengono pensando che l'Italia invece sia un Paese in vendita".Salvini ha replicato a una domanda anche sul capo dello Stato.

"Sul futuro del centrodestra afferma che sSe Berlusconi - desse vita ad altri inciuci le nostre strade si allontanerebbero, io voterei subito". Una presa di posizione in linea con il centrodestra ("questa parola mi fa venire l'orticaria") che ha in mente per il futuro: "Basta con le imposizioni dall'alto - ribadisce - servono le primarie per la scelta del leader". "Il limite dei due mandati" per gli eletti della Lega "sarà oggetto di approvazione al Congresso - ha fatto sapere - quando ci sarà. Aspettiamo il 5 e vediamo chi si aggiunge", spiega Salvini che su eventuali alleanze con Ncd o Fare! taglia corto: "Gli Alfano, i Cicchitto, i Tosi, neanche dipinti sui muri!".E sul M5s.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.