Nella canonica una "stanza del sesso", parroco nei guai

Share

Nella canonica una

Una storia che sta facendo il giro di Padova e che è finita in Tribunale.

Dalla perquisizione effettuata ieri mattina nell'abitazione del parroco dal nucleo investigativo dei carabinieri di Padova emergono particolari inquietanti: all'interno del domicilio del sacerdote sarebbero stati rinvenuti alcuni sex toys e supporti informatici, che saranno opportunamente sottoposti ad analisi scientifiche.

Il sacerdote sarebbe indagato per violenza privata e favoreggiamento della prostituzione in seguito alla denuncia di una presunta vittima: una donna che avrebbe avuto una relazione con il religioso, e, sempre secondo la versione di quest'ultima, con rapporti sessuali violenti e costretta a concedersi ad altri uomini. Per ora ha parlato l'avvocato del prete che ha detto: "Attendiamo di capire che cosa è successo e che cosa gli viene contestato, poi chiariremo tutto".

Una donna ha denunciato don Andrea Contin, parroco di San Lazzaro, alla periferia di Padova.

La denuncia ha sconcertato molti, dato che don Contin è stimatissimo in città per la sua attività a favore degli anziani e dei detenuti. "Al momento non abbiamo elementi sufficienti di valutazione per prendere provvedimenti di ordine canonico".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.