Luca Lotti è indagato?

Share

Luca Lotti è indagato?

Agenpress - Il ministro dello Sport, Luca Lotti, cerca di difendersi alle accuse riportate dal Fatto Quotidiano secondo cui sarebbe indagato per la fuga di notizie sull'inchiesta della procura di Napoli sugli appalti Consip. Lo riporta oggi in apertura il "Fatto Quotidiano", aggiungendo che il fascicolo contenente le ipotesi di reato sulle fughe di notizie è stato stralciato dal filone principale sulla corruzione (che vede indagati Alfredo Romeo e il dirigente della Consip Marco Gasparri) ed è finito a Roma per competenza territoriale, dunque al procuratore Giuseppe Pignatone.

"Il braccio destro di Renzi, già sottosegretario alla Presidenza del consiglio, attuale ministro allo sport e aspirante alla delega sui servizi segreti con Gentiloni - spiega il Fatto - è indagato a seguito delle dichiarazioni del suo amico Luigi Marroni". "L'ex assessore alla sanità della Regione Toscana, promosso da Renzi a capo della Consip", riporta il Fatto, "nel suo esame come persona informata dei fatti, ha tirato in ballo anche il generale dei carabinieri Emanuele Saltalamacchia, comandante della Legione Toscana, indagato per le stesse ipotesi di reato". Alla domanda del giornalista "Ha mai parlato dell'esistenza di un'indagine su Consip con Marroni?" ha risposto: "No". Inutile stare a fare dietrologie o polemiche.

Il ministro risponde invece su Facebook: "Sarei indagato per rivelazioni di segreto d'ufficio", scrive.

"Oggi però un giornale scrive che sarei indagato per rivelazioni di segreto d'ufficio in una inchiesta che vedrebbe indagato persino il Comandante generale dell'Arma dei carabinieri".

E su facebook scrive: "Dopo settimane di lavoro molto intenso tra referendum, crisi di governo e primi passi del nuovo impegno come ministro mi ero preso un giorno di ferie per la prima recita di Gherardo, mio figlio". Immediata la risposta del ministro: 'È una cosa che semplicemente non esiste. "E' una cosa che non esiste e non ho voglia di lasciarla sospesa".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.