Fiorentina-Napoli, le formazioni: Chiesa e Cristoforo in campo /DIRETTA

Share

Fiorentina-Napoli, le formazioni: Chiesa e Cristoforo in campo /DIRETTA

"È un'emozione grande giocare per questa maglia e con questa squadra".

Nella ripresa, una punizione di Bernardeschi viene deviata dalla barriera e inganna un incolpevole Reina.

Tomovic 4: errore clamoroso sul gol di Mertens, ne combina di tutti i colori. Il Napoli, però, non molla. E' 2-2 ma la gara è tutt'altro che finita. Sembra fatta per la Viola, ma al 94' Salcedo atterra Mertens e Gabbiadini infila il definitivo 3-3 dal dischetto. Il Napoli, reduce da due vittorie di fila, contro il Cagliari (qui i gol) e contro il Torino (qui i gol). Un paio di buoni interventi. In costante affanno per un'ora e mezza, azzoppa Mertens, in area di rigore, a pochi minuti dalla fine.

ASTORI 6: Una gara sufficiente la sua, anche se non eccelle in sicurezza. Provvidenziale il suo salvataggio sulla linea. Le squadre si spaccano in due tronconi, con gli innesti di Sousa che fanno la differenza.

Chiesa: 7,5 spinta continua sulla fascia destra, quantità e qualità da vendere, Baby fenomeno. Ma il pari viola è immediato con un tiro di Bernardeschi da fuori. Perché la gara del Franchi non ha regalato attimi di pausa: pronti via e Bernardeschi con un colpo da biliardo dai 25 metri ha realizzato la rete del pareggio.

Tra i tanti club interessati al ragazzo c'è senza dubbio l'Inter, con la proprietà cinese che ha messo lui e Domenico Berardi in cima alla lista dei desideri per il mercato di giugno. Il calciatore più pericoloso dei viola sarebbe Kalinic ma per non parlare sempre dei soliti attaccanti centrali azzurri, abbiamo deciso di paragonare Federico Bernardeschi a Lorenzo Insigne. Il gol stordisce la Fiorentina che fatica a reagire.

HYSAJ 5,5: Bernardeschi è quasi incontenibile.

Si sono sfidati a singolar tenzone i partenopei, focosi come il magma del Vesuvio su cui muovono i passi quotidianamente e medicei toscani. Meno sicuro quando gioca con Maksimovic. Il belga non abbassa l'asticella: è ancora una volta il migliore degli azzurri. Rallenta la manovra, non trova lo spunto e sbaglia su Bernardeschi in occasione del 2-2. La squadra di Paulo Sousa è brava a reagire ben due volte, al vantaggio partenopeo di Insigne e Mertens.

Dopo una prima fase di sostanziale equilibrio gli azzurri cominciano a macinare il solito gioco veloce palla a terra, i viola riescono a contenere la maggiore qualità azzurra e affidano allo scatenato Bernardeschi le proprie velleità offensive. Finisce 3-3, ma in mezzo ci sono state ammonizioni, penalty e gol annullati. Corre tanto, aiuta Ghoulam in copertura ed è efficace sulla corsia mancina.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.