E su Zanardi il sindaco perse la testa

Share

E su Zanardi il sindaco perse la testa

"Un post scandaloso - dice - con tanto di sorriso finale, che raccoglie i peggiori sentimenti livorosi che stanno uscendo fuori dalla campagna per il NO al Referendum. Il premio per l'uscita più infelice va, oggi, a Giuliano Parodi, sindaco M5S di Suvereto (Gr)". Nonostante la valanga di commenti negativi Parodi ha inoltre precisato, sempre attraverso i social, che "la satira deve essere un pugno nello stomaco per funzionare e far riflettere sulle questioni, altrimenti sono le battute di Zelig". Ma un altro ribatte: "Quindi lei fa satira?". Poi il sindaco contrattacca: "gli stessi che si sono indignati sono quelli che stanno zitti quando il governo taglia i fondi per i disabili". Zanardi e' una persona speciale. Le battute le faccio e le prendo. Mi è sembrata una cosa pilotata. "Vorrei sapere dove è la morale di queste persone - continua il sindaco - visto che mi accusavano di non averla". Zanardi, che nel corso degli anni è stato preso da esempio per tanti giovani per la sua determinazione e la sua grinta dopo l'incidente automobilistico che gli ha fatto perdere entrambe le gambe, andando poi e re-inventarsi campione di Handbike, è stato difeso da tutti. Referendum Zanardi ed il suo annunciato "Si" - Il motivo della polemica è da ricercare nel post pubblicato sul proprio profilo Facebook dal primo cittadino nel quale ha utilizzato parole offensive nei confronti di Alex Zanardi e della sua manifesta intenzione di votare Si al prossimo referendum. "Ho dato scioccamente lo spunto a chi mi avrebbe attaccato comunque".

Autore della battutaccia (stavolta senza l'ironica accezione toscana) è Giuliano Parodi, sindaco di una lista civica, passato alle cronache per aver strappato il comune al dominio una volta assoluto del Pd. L'unico collegamento, flebile, con i Cinquestelle è che il sindaco di Livorno Filippo Nogarin lo aveva proposto (senza successo) come presidente della Provincia anche perché con lui fa asse spesso per "battersi" contro la maggioranza di sindaci del Pd.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.