Milano: ancora blitz dei carabinieri alla stazione di Rogoredo

Share

Milano: ancora blitz dei carabinieri alla stazione di Rogoredo

"Tutto quello che si sta facendo è stato deciso durante le riunioni del Comitato per l'ordine e la sicurezza - spiega Carmela Rozza, assessora comunale alla Sicurezza -".

"Senza l'impegno del Comando provinciale dei Carabinieri - aggiunge l'assessore - e di tutte le forze dell'ordine che in queste settimane hanno organizzato interventi operativi nel boschetto di Rogoredo, non saremmo potuti arrivare a questo punto". Mentre la zona veniva battuta dai militari e dai vigili e sorvegliata dall'alto da un elicottero dell'Arma, sono state abbattute le improvvisate baracche abitate dai disperati e si è iniziata l'opera di bonifica delle siringhe e della sporcizia che si sono accumulate tra la vegetazione all'interno della quale operano da anni gli spacciatori.

Dalle 8 di ieri mattina 91 carabinieri, 60 agenti della polizia locale e 20 addetti dell'azienda di igiene urbana di Milano, si sono addentrati nel boschetto con tanto di ruspe e pick up per tagliare gli arbusti.

A inizio novembre, i carabinieri con un blitz hanno portato all'arresto sei spacciatori e al sequestro di decine di dosi; la polizia il giorno seguente aveva portato in questura 65 persone per tentare di bloccare il flusso. Nel corso delle operazioni è stata rintracciata anche una 16enne originaria del sud milanese, allontanatasi da casa da alcuni giorni e di cui non si avevano più notizie.

"Da oggi inizia un percorso di riqualificazione di recupero dello spazio verde per ridare al quartiere la dignità civile".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.