Caso Ragusa,gup:rito abbreviato a Logli

Share

Caso Ragusa,gup:rito abbreviato a Logli

Con ogni probabilità, Antonio Logli, ovvero il marito di Roberta Ragusa potrebbe ricorrere al rito abbreviato nell'udienza preliminare davanti al Gup Elsa Iadaresta che dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura per omicidio volontario e distruzione di cadavere.

Domani 18 novembre al Palazzo di giustizia di Pisa riprende il processo a carico di Roberto Logli per la scomparsa della moglie Roberta Ragusa.

Torna in primo piano anche il caso di Yara Gambirasio. Il Gup di Pisa, durante l'udienza preliminare, ha fissato le date delle prossime udienze che si terranno il 2 ed il 21 dicembre, entrambe valide per le repliche e la sentenza.

Nell'ambito dei fatti di cronaca nera, si sente più volte parlare della formula del rito abbreviato. Il giudice ha accolto per l'uomo la richiesta di rito abbreviata. Chiedendo l'abbreviato si prova ad avere una pena nettamente inferiore rispetto a quella che deriverebbe dal processo come siamo abituati a conoscerlo. Se qualcuno probabilmente avesse voluto lasciare la villa con piscina di Gello, nel Pisano, in una frazione di San Giuliano Terme, sarebbe stato il marito: Antonio Logli che, da tempo aveva una relazione con la giovane baby sitter, Sara Calzolaio. Di rito abbreviato si è parlato nel caso Panarello e ora anche il caso Ragusa vedrà l'utilizzo di tale formula. "Preciso che il signor Logli aveva con sé altri sacchetti, ma non saprei definire quale fosse il loro contenuto e in quale contenitore siano stati depositati, in quanto nella nostra sede non esiste un registro apposito che cataloga il materiale depositato". Si avvicina dunque il finale di questa tragica vicenda.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.