Cane azzanna donna e anziano a Velletri, vigili costretti a sparare

Share

Cane azzanna donna e anziano a Velletri, vigili costretti a sparare

E' accaduto a Velletri in una zona di campagna. Quando gli agenti della Polizia Locale del comune dei Castelli Romani sono giunti sul luogo della segnalazione, si sono trovai di fronte una scena raccapricciante: il cane stava letteralmente sbranando il vicino di casa, affondando le zanne nelle braccia dell'uomo fino a strappargli interi brandelli di carne e fratturagli le ossa. Secondo quanto riferito dalla polizia locale veliterna i due agenti non hanno esitato a estrarre l'arma e ad esplodere un colpo di pistola alle zampe per fermare la sua ferocia. Solo in quel momento il cane si è fermato. La donna e l'uomo, vicini di casa tra loro entrambi feriti, sono stati trasportati da alcune ambulanze del 118 all'ospedale di Velletri e il cane preso in carica dal servizio veterinario della Asl Rm 6, giunto sul posto con la squadra di pronto intervento e il dottor Gaetano Saporito.

Una volta sedato, il molosso è stato portato al canile comunale di Velletri per le cure veterinarie: non risulta essere in pericolo di vita. La donna, 68 anni, aveva appena richiamato all'ordine il suo cane, un bulldog di grossa taglia, che si era messo a inseguire una mamma coi bambini che si erano rifugiati in casa. Il bullmastiff per tutta risposta si è scagliato contro l'anziano, ferendolo gravemente soprattutto ad un braccio. Il cane, sgridato dalla sua proprietaria, senza microchip e non iscritto all'anagrafe canina, ha poi attaccato anche la 68enne. L'anziano è stato trasportato in codice rosso al policlinico Gemelli di Roma con una semi amputazione del braccio ed altre gravi e profonde ferite agli arti superiori. L'anziano era intervenuto in soccorso della 68enne usando una bastone che si usa comunemente per abbassare le tende, ma il cane non si è né placato, né intimorito.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.