Unicredit incassa 552 milioni dal collocamento del 20% di FinecoBank

Share

Unicredit incassa 552 milioni dal collocamento del 20% di FinecoBank

A seguito della chiusura dell'offerta, Unicredit continuera' a controllare e consolidare la societa' con una partecipazione di circa il 35%, inoltre l'istituto "ha sottoscritto un impegno a non disporre di ulteriori azioni di FinecoBank per un periodo di 360 giorni dalla data di regolamento dell'operazione". Il corrispettivo complessivo è stato pari a circa €552 milioni. Giudizio positivo anche da Banca Imi (add a 6,1 euro), secondo cui la cessione del 20% di FinecoBank effettuata a Unicredit elimina la pressione sul prezzo legata alla possibile vendita dell'intera partecipazione a un prezzo a sconto rispetto alla valutazione di mercato e, contemporaneamente, aumenta il flottante della banca multimediale. Durante tale periodo di lockup, salve alcune eccezioni in linea con la prassi di mercato, UniCredit non potrà porre in essere nessuno atto di disposizione delle azioni di FinecoBank senza il previo consenso di Ubs per conto dei joint bookrunners.

Nell'operazione di accelerated bookbuilding sul 20% di Fineco, UniCredit si avvale di Ubs e UniCredit Corporate & Investment Banking in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners per l'offerta. Le richieste per il book, coperto interamente dopo 20 minuti dal lancio, sono state quattro volte superiori all'offerta.

Unicredit lo ha comunicato con una nota, a mercati chiusi, nella serata di mercoledì.

Dal suo arrivo a inizio luglio, il nuovo amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, ha già realizzato cessioni per quasi 1,1 miliardi grazie alla vendita di quote pari al 10% di Bank Pekao e Fineco; una cifra che ora potrebbe salire a 1,6 miliardi.

La banca molto probabilmente sarà costretta a varare nei prossimi mesi un maxi-aumento di capitale, secondo le stime degli analisti da 7 -8 miliardi di euro.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.