I virus arrivano anche da Spotify, ecco cosa sta succedendo

Share

I virus arrivano anche da Spotify, ecco cosa sta succedendo

Bisogna infatti fare attenzione agli annunci pubblicitari che si trovano all'interno della versione free di Spotify, in quanto per colpa di un annuncio particolare alcuni utenti si sono visti aprire il browser web in automatico su pagine contenenti virus.

Uno dei maggiori punti di forza di Spotify, rispetto agli altri servizi di streaming musicale, è il fatto di permettere l'ascolto gratuito del suo catalogo, a patto di sorbirsi di tanto in tanto un po' di pubblicità.

Alcuni siti in cui venivano rimandati gli utenti di Spotify Free hanno provato ad installare automaticamente dei virus sul dispositivo, ma per fortuna in molti casi sono stati fermati dall'antivirus. Stando alle molteplici denunce e segnalazioni dell'utenza, ad essere sotto assedio sono le piattaforme desktop per cui il servizio di streaming musicale gratuito è disponibile.

Da Windows a macOS, passando per Linux: in mezzo a quegli spot commerciali solitamente innocui, che consistono nell'unica moneta di scambio richiesta da Spotify al fruitore per offrirgli tonnellate di musica, pare si nascondano alcuni malware autoinstallanti, che vanno ad intasare la RAM e mandano in tilt i sistemi operativi.

Il profilo socialdi Spotify ha dichiarato di essere consapevole del recente stato di cose per Spotify Free e di avere in serbo dei fix per quando il problema sarà stato identificato al meglio.

Un nuovo caso che fa riflettere sui molteplici canali di diffusione dei malware, in grado di attaccare anche servizi, app e siti web particolarmente controllati e tendenzialmente sicuri. Chi è stato o è vittima dell'attacco segnalato dovrebbe procedere alla disinstallazione di Spotify e, successivamente, effettuare una scansione del sistema utilizzando un software antivirus.

Il virus si diffondeva presentando un pop up pubblicitario. Fortunatamente, l'azienda svedese ha già identificato e rimosso la fonte del problema, senza tuttavia fornire informazioni dettagliate sull'accaduto.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.