M5s: spintoni e cori contro giornalisti ad arrivo Raggi

Share

M5s: spintoni e cori contro giornalisti ad arrivo Raggi

"Mi chiedono: ma allora non hai fatto il passo di lato, sei rientrato?" Così Raggi, dopo aver incontrato Grillo prima di raggiungere Italia 5 Stelle al Foro italico di Palermo.

Il ricordo di Gianroberto Casaleggio.

. "Eravamo dei sognatori - ricorda, commosso -".

Prima di salire sul palco, la sindaca ha girato per gli stand della festa, circondata dall'affetto dei militanti. Io porto avanti il ruolo che mi è stato dato. Bisogna che qualcuno prenda delle decisioni.

A fare la differenza, da adesso, sarà però solo Grillo, l'ex guru (la definizione è sua) che dopo il disastroso esordio della giunta romana è costretto a rinfilarsi gli scarpini e segnare i gol che contano. "Gianroberto era un grande organizzatore". Di Maio ha anche commentato l'annuncio fatto da Grillo ieri che è tornato a fare il "capo politico" del movimento e ha battezzato il "tridente" a cinque stelle, guidato da Casaleggio, Di Battista e Di Maio. La piattaforma Rousseau, lanciata quando morì Gianroberto, è lo strumento della democrazia diretta promessa dal Movimento. "I miei sono stanchi ma non sono tentati dal potere".

Poi, a proposito del crollo della palazzina a Roma: "Ieri ci siamo messi al lavoro, a fare telefonate per cercare alloggi per queste persone". E ringrazia il popolo 5 Stelle, che la accoglie "anche in questo momento in cui tutti vogliono metterci il bastone tra le ruote". "Se il No alle Olimpiadi li ha fatti tremare, quello al referendum segnerà la loro fine". "Da quando siamo a Roma ci attaccano per qualunque cosa, ora pure per le mie orecchie", dice Raggi.

Virginia Raggi applaudita dai militanti a Italia 5 Stelle a Palermo. "Noi siamo più uniti che mai", afferma Raggi, molto applaudita dei sostenitori. E non è vero - sottolineano Biondo e Canestrari - che tra i cinquestelle tutto sia trasparente: "La piattaforma attraverso la quale ci si registra al Movimento e si effettuano le votazioni indette dal Blog non è open source: non si conosce il codice che la fa funzionare, chi abbia accesso ai dati, quali siano i livelli di accesso e di sicurezza".

Inizia propria da questa manifestazione siciliana la "seconda fase" del Movimento.

"Dopo tutta questa merda galattica perdiamo lo 0,1%". "Dobbiamo tornare allo spirito delle origini: dobbiamo insegnare ai nuovi arrivati il vaffanculo e l'entusiasmo dei primi tempi perché non lo conoscono", spiega Grillo. Non è cambiato niente: Beppe Grillo è sul campo, ci darà una mano ancora di più, e io sono contento.Davide continua a gestire i nostri sistemi operativi, noi siamo quelli che stanno in parlamento e si occupano dei problemi dei cittadini ogni giorno. E Roberto Fico conferma la linea del fondatore. E, tra gli applausi della platea conclude: "Mai più leader, mai più deleghe". Lei decide tutto da sola, ha detto... Attesa sul palco anche Virginia Raggi. Io non mollo, ha ribadito la sindaca con riferimento al controverso inizio del suo mandato.

Gli attivisti si stringono attorno alla sindaca assente e preferiscono incolpare i giornalisti di iscrizione nel registro degli indagati taciute e delle nomine poi ritirate di assessori, capi di gabinetto, vertici di partecipate. Se mi sono consultata con Grillo sui nomi? Da Palermo il M5S ne esce rinforzato con quell'abbraccio che significa tanto.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.