Lorenzin, via libera ai nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea)

Share

Lorenzin, via libera ai nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea)

Entrando poi in alcuni aspetti tecnici, il coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Antonio Saitta, ha richiamato l'attenzione sulla complessità del provvedimento: "ci sono diverse innovazioni e occorrerà modulare in modo graduale l'entrata in vigore e soprattutto l'erogazione delle nuove prestazioni" ha spiegato l'assessore. Inoltre, ha precisato, "ci sarà un meccanismo di aggiornamento e le regioni, all'interno del Sistema sanitario nazionale, potranno aumentare le risorse; ovviamente si risparmierà da altre parti per reinvestire nel Servizio sanitario, come sta accadendo già - ha concluso Lorenzin - con le centrali uniche di acquisto". Ad annunciare l'arrivo dei nuovi Livelli essenziali di assistenza, insieme a quelli del nuovo nomenclatore per le protesi del nuovo piano nazionale vaccini, è stata ieri la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, al termine della Stato-Regioni che ha dato il via libera definitivo (dopo parere positivo espresso nella mattinata dalla Conferenza delle Regioni) alla nuova lista delle cure e prestazioni che il Ssn deve garantire gratuitamente ai cittadini. "Sono norme attese da molto tempo e innovative che miglioreranno la qualità dell'assistenza sanitaria ai cittadini". Lorenzin, al riguardo, garantisce di essere pronta "a mettersi l'armatura per difendere l'aumento del Fsn dai 111 miliardi del 2016 ai 113 del 2017". Fra le novità principali, l'inserimento della fecondazione assistita eterologa.

Tornando ai nuovi LEA Bonaccini ha sottolineato anche la strategicità del provvedimento e conseguentemente la necessità di una sua sostenibilità economico-finanziaria pluriennale. Nei Lea aggiornati entra anche il trattamento dell'AUTISMO: il documento recepisce infatti integralmente la legge 134 del 2015, che prevede diagnosi precoce, cura e trattamento individualizzato, integrazione nella vita sociale e sostegno per le famiglie.

Con la revisione dell'elenco delle malattie croniche vengono introdotte 6 nuove patologie tra cui quelle renali e l'osteomielite cronica. Infine, sul fronte dei vaccini vi sono l'introduzione di nuovi prodotti come anti-papillomavirus, anti-pneumococco ed anti-meningococco, e l'estensione a nuovi destinatari (ad esempio, per il papillomavirus il vaccino viene erogato anche agli adolescenti maschi). Nei nuovi Lea sono previsti anche i trattamenti contro la LUDOPATIA, le cure per l'ENDOMETRIOSI, l'ADROTERAPIA per la cura dei tumori e la TERAPIA DEL DOLORE.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.