Rcs, Cairo rilancia e propone fusione tra i due gruppi

Share

Rcs, Cairo rilancia e propone fusione tra i due gruppi

Cairo alza l'Ops su Rcs da 0,12 a 0,16 azioni offerte per ciascun titolo del gruppo di via Rizzoli, con un aumento del 33,3% rispetto al corrispettivo originario e un valore implicito di 0,702 euro per ciascuna azione del gruppo del Corriere.

"Cairo Communication non molla con una proposta importante, che ha una serie di punti strategici", ha detto Cairo in serata lasciando la sede della società dopo l'annuncio del rilancio. Gli obiettivi dell'integrazione prevedono ricavi per 1.273 milioni nel 2017 e circa 1.340 nel 2018, Ebitda di circa 172 milioni nel 2017 e di 215 milioni nel 2018. In questo modo l'offerta di Cairo si va ad allineare al prezzo di 0,70 euro dell'Opa in contanti proposta da International Media Holding, la cordata composta da Investindustrial (Andrea Bonomi), Mediobanca, Diego Della Valle, Pirelli e UnipolSai (qui l'articolo dedicato). I progetti di Bonomi sono quindi sostanzialmente in linea con il lavoro svolto finora dall'ad Laura Cioli. Per l'editore di La7, però, è arrivato il momento di tirare le somme dopo le adesioni, che al quarto giorno dell'Ops si fermano a 4.631 azioni per lo 0,00089% del capitale e dopo gli incontri degli ultimi giorni con gli investitori.

Rcs Mediagroup intanto ha firmato con le banche il previsto accordo modificativo del contratto di finanziamento in essere, secondo i termini e le condizioni già comunicati il 18 maggio scorso. Con il risultato di ridurne sensibilmente il peso nella definizione delle strategie del gruppo. Se l'Ops non prevarrà il Cda proporrà a un'assemblea successiva un dividendo straordinario per 20 milioni complessivi, pari a 0,256 euro per azione.

Dalla prossima settimana quindi le due proposte per Rcs viaggeranno in parallelo, con Bonomi e alleati che dovranno decidere eventuali rilanci entro il venerdì successivo.

Il consiglio ha preso inoltre atto dell'impegno degli azionisti di Imh di dotare la società di ulteriori risorse finanziarie per sottoscrivere pro quota l'aumento di capitale, oggetto di delega, fino a 150 milioni. Indipendentemente da chi vincerà la battaglia per il controllo del Corsera.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.