Probabili formazioni Svizzera - Polonia, ottavi Euro 2016 oggi 25 giugno

Share

Probabili formazioni Svizzera - Polonia, ottavi Euro 2016 oggi 25 giugno

Il match inizia con i polacchi più determinati, ma la difesa della Svizzera è impeccabile, tranne al 39' quando Blaszczykovski colpisce Sommer in contropiede dopo un calcio d'angolo elvetico.

La Polonia passa così ai quarti e giovedì affronterà a Marsiglia una tra Portogallo e Croazia. La Svizzera torna a casa con l'amaro in bocca. Modi di intendere il football differente che, nel corso della fase a gironi ha portato però al medesimo risultato: subire pochi goal.

Petkovic verso il 4-3-3 con Shaqiri, Embolo e Mehmedi a formare il tridente offensivo, mentre a Dzemaili verrà affidata la cabina di regia.

FINO ALLA FINE - Blaszczykowski prosegue poi senza troppi giri di parole anteponendo anche le sue emozioni al bene della squadra: " La Polonia vince sempre quando segno? Attorno alla mezz'ora il tentativo di Grosicki non e' indimenticabile, poco dopo il sinistro di Milik va alto. Schär (35′) indirizza di testa direttamente sul piazzato Fabianski, che poi alza in corner (38′) un mancino di Dzemaili deviato dai compagni.

Intervallo: scatta meglio la Svizzera. Rodriguez dà l'ultima speranza alla Svizzera segnando il suo penalty, ma Krychowiak piazza la sua bomba sotto la traversa, mandando la Polonia ai quarti di Euro 2016. Un errore che dà vita a qualche rimpianto, ma che è anche una chiara dichiarazione d'intenti: per la Svizzera non sarà facile.

Nel secondo tempo la Svizzera è alla ricerca del pareggio e alza il baricentro, anche se la prima occasione è della Polonia, ancora con Blaszczykowski, che è veloce ad avventarsi su una palla persa dagli avversari e a tirare: Sommer si rifugia in corner con una bella respinta. La ripresa si apre con una buona palle di Ramsey per Vokes, bravo a smarcarsi tra i tre centrali gallesi, ma impreciso nel colpo di testa decisivo. Traversa di Seferovic al 79'.

Per quanto riguarda, invece, le qualificazioni per un europeo, Svizzera e Polonia si sono sfidate 2 volte: il bilancio, in questo caso, è interamente a favore della nazionale polacca con due vittorie su due partite. Il verdetto arriva dopo la lotteria dei rigori. Da valutare; la sensazione in ogni caso è che sarà Kuba a far parte dell'undici iniziale, ma Nawalka potrebbe decidere di mischiare le carte.

STORICO TRAGUARDO - La nazionale di Lichtsteiner, sulle ali dell'entusiasmo, spinge ulteriormente nel corso dei supplementari con la Polonia che si vede costretta a erigere una statua a Fabianski, miracoloso sul colpo di testa di Derdiyok, e una a Pazdan, che disturba l'attaccante svizzero al momento della conclusione. All'ultimo respiro c'e' Sommer pronto su Piszczek: servono i rigori.

L'errore. La Svizzera sbaglia (malamente) con Xhaka, la Polonia non ne sbaglia uno ed e' il destro di Krychowiak a segnare la storia.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.