Pastrengo: uccide la ex convivente accoltellandola più volte

Share

Pastrengo: uccide la ex convivente accoltellandola più volte

Dall'inizio dell'anno sono almeno 58 le donne uccise in Italia dal partner o, più spesso, da un ex.

Roma, 9 giu. (askanews) - Alessandro Maffezzoli, 46 anni, è stata assassinata, nella notte, a Pastrengo (VR) da Giuliano Falchetto, 53 anni, di Caprino veronese. La donna, maestra elementare, secondo la ricostruzione dei Carabinieri di Peschiera, è stata pugnalata ripetutamente dall'uomo e colpita alla testa con un vaso.

Poco dopo aver assassinato la donna, Falchetto è fuggito in macchina, i carabinieri lo hanno trovato grazie alla segnalazione del portiere di un albergo di Castelnuovo che aveva denunciato la presenza di un uomo che con fare sospetto si aggirava nella zona turistica. Il pm ha emesso nei suoi confronti un fermo di indiziato di delitto, con l'ipotesi di omicidio. I ragazzi hanno scoperto l'omicidio della madre quando sono tornati a casa. "È come un interruttore acceso che si è staccato per pochi minuti" ha detto Falchetto. La coppia ha cominciato a discutere (i vicini hanno sentito le urla e per questo è stato allertato il 112) e la discussione è sfociata nell'aggressione. Purtroppo, quando questi sono arrivati c'era già il silenzio, ormai Alessandra non gridava più in cerca di aiuto, era già morta. Dopo essere riusciti ad entrare hanno trovato il corpo della donna: la testa era fracassata da un colpo inferto con un grosso vaso, sul petto una decina di coltellate. L'arma è stata poi ritrovata successivamente dentro ad un armadio, con la lama spezzata, tanto deve essere stata la ferocia con la quale sono stati inferti i colpi. Sarà comunque l'autopsia a chiarire l'esatta dinamica del delitto e la sequenza dell'aggressione. Jan Luc Falchetto ora è rinchiuso nel carcere veronese di Montorio. La triste e scioccante scoperta dell'omicidio è stata fatta dai 2 figli che Alessandra lascia, di 16 e 18 anni, nati dalla relazione precedente. Oltre 155 da gennaio 2015.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.