Isis: Abadi annuncia vittoria a Falluja

Share

Isis: Abadi annuncia vittoria a Falluja

Il primo ministro iracheno Haider al-Abadi ha annunciato su Twitter la vittoria contro lo Stato islamico a Falluja, la città irachena controllata più a lungo dai jihadisti, dopo la rapida avanzata da parte delle forze governative sostenute dagli Stati Uniti. "Le nostre forze di sicurezza controllano la città, ad eccezione di una piccola parte che sarà ripresa nelle prossime ore", ha detto il premier in un discorso trasmesso dalla televisione di Stato. Ad annunciarlo il comandante della polizia federale, generale Jawdat, che ha fatto issare la bandiera nazionale.

"La liberazione del complesso governativo simboleggia la restaurazione dell'autorità dello Stato", aveva detto Jawdat.

Ma la battaglia a Falluja non è finita perché scontri sono segnalati ancora in diversi altri quartieri, perché la città è disseminata di mine, perché si stima che decine di migliaia dei suoi abitanti siano ancora intrappolati. "In precedenza il generale delle forze operative Al Saedy aveva detto che la resistenza dell'Isis appariva 'debole', ma che le sue truppe avanzavano con cautela 'per salvaguardare i soldati, le infrastrutture e i civili".

Falluja, situata a una sessantina di chilometri a ovest di Baghdad, è abitata in maggioranza da una popolazione sunnita che in passato si è dimostrata ostile al governo di Baghdad sostenuto da Teheran e da Washington. E anche per queste ultime i pericoli non sono cessati. Nella provincia di Anbar l'Alto commissariato ha già distribuito kit di accoglienza con coperte e cibo per 4500 persone, altri 1500 sono pronti, mentre si lavora per l'apertura di nuovi campi profughi. Nel 2004 la città sunnita era già stata teatro di sanguinose battaglie tra gli insorti sunniti locali e le forze di occupazione americane. Come la notte scorsa, quando nei pressi Tuz Khurmatu, una cittadina a est di Tikrit e a circa 200 chilometri a nord di Baghdad, miliziani dell'Isis hanno attaccato forze della polizia e volontari delle formazioni paramilitari sciite.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.