Bankitalia taglia stime crescita 2016 e 2017

Share

Bankitalia taglia stime crescita 2016 e 2017

Ancora critico il quadro dei prezzi, nonostante gli interventi della Bce per riportare l'inflazione vicina al +2%: "L'inflazione in Italia rimarrebbe ancora pari a zero nella media di quest'anno per poi risalire solo gradualmente (allo 0,9 per cento nel 2017 e all'1,5 nel 2018)", si lege nelle proiezioni per l'Italia nel prossimo triennio, elaborate dagli economisti di via Nazionale nell'ambito dell'esercizio coordinato dell'Eurosistema. "In media d'anno, il Pil aumenterebbe dell'1,1% quest'anno per accelerare all'1,2% sia nel 2017 che nel 2018".

"Nel primo trimestre di quest'anno il Pil e' aumentato dello 0,3 per cento, con un lieve rafforzamento rispetto alla fine del 2015; le piu' recenti informazioni congiunturali indicano una crescita analoga per il trimestre in corso!". La stagnazione dell'inflazione, secondo palazzo Koch, riflette "sia il contributo della componente importata sia quello dei prezzi interni, trainati soprattutto dalla ripresa ciclica dei margini di profitto".

Continueranno a sostenere la crescita le condizioni monetarie ampiamente espansive, l'orientamento della politica fiscale e il permanere del prezzo del petrolio su bassi livelli. Al netto della componente energetica, l'indice dei prezzi al consumo aumenterà, invece, dello 0,6% quest'anno, dell'1% nel 2017 e dell'1,5% nel 2018. Nel dettaglio, precisa Via Nazionale, "la domanda interna sarebbe sostenuta dall'accelerazione dei consumi, favorita dal progressivo miglioramento delle condizioni sul mercato del lavoro e dalla ripresa degli investimenti, che beneficerebbe di condizioni finanziarie favorevoli e, per l'anno in corso, degli incentivi alla spesa in beni strumentali introdotti nell'ultima legge di stabilità". Per il tasso di disoccupazione Bankitalia prevede un calo graduale, al10,8 per cento nel 2018 (oltre 1 punto percentuale in meno rispetto al 2015).

In questo quadro, sottolinea Bankitalia, "la crescita dell'Italia sarebbe sospinta soprattutto dalla domanda interna".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.