Viterbo, morti mamma e bimbo scomparsi venerdì: lei trovata impiccata

Share

Viterbo, morti mamma e bimbo scomparsi venerdì: lei trovata impiccata

Roma, 22 mag. (askanews) - E' finita in tragedia la vicemda della giovane donna austriaca e del suo bambino scomparse da venerdì notte da un camping in zona Montefiascone, in provincia di Viterbo, in riva al lagho di Bolsena. Non è ancora chiaro se sia stata la giovane a ucciderlo prima di togliersi la vita, o se sia morto di stenti. Sotto di lei, coperto da un giubbotto il corpicino del figlio, Matteo Arion.

Omicidio-suicidio. È questa, al momento, l'ipotesi privilegiata dai carabinieri che indagano sulla morte di Cecilia Maria Fassine e del suo bimbo di cinque mesi. Escludiamo la presenza di altre persone insieme a madre e figlio. La donna, 22 anni, si sarebbe impiccata. A sporgere denuncia il padre e la madre che erano con lei in campeggio.

Sul posto oltre ai Vigili del fuoco che, da terra e dall'aria con gli elicotteri, hanno coordinato le ricerche con Carabinieri, Polizia Locale, Forestale e Protezione Civile.

Le ricerche. Le ricerche sono scattate appena è stato dato l'allarme e i sub hanno scandagliato le acque del lago senza risultato. L'ultima cella agganciata dal telefonino della donna riconduceva a una zona presumibilmente tra Colle San Martino e Capodimonte. Non sembrerebbero esserci segni di violenza visibili.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.