Google Chrome: addio a Flash Player entro fine anno

Share

Google Chrome: addio a Flash Player entro fine anno

I motivi che hanno spinto Google ad accelerare sull'abbandono di Flash sono le solite, ovvero i noti e continui problemi di sicurezza, l'impatto di Flash sull'autonomia di smartphone, tablet e notebook e la maggior velocità nei tempi di caricamento assicurata da HTML5. Sarà possibile abilitare ancora la visualizzazione ma di default Flash non verrà visualizzato. Tale sorte non riguarderà i primi dieci siti al mondo che dipendono da Flash, e che avranno tempo fino alla fine del 2017 per adeguarsi. Il mese scorso era invece toccato a Edge, il browser di Microsoft introdotto in Windows 10 che si è arricchito di un'opzione per bloccare i componenti scritti in Flash ritenuti non necessari per la navigazione.

In un post su Google+ dello scorso anno, Google ha spiegato che la decisione di chiudere e porte a Flash è dovuta al fatto che Flash richiede troppe performance al browser per poter essere eseguito, e per incentivare all'utilizzo dello standard HTML5, che è superiore a Flash in termini di utilizzo delle risorse. Tra questi troviamo siti come Facebook, Amazon e YouTube, tanto per citare i più famosi, che saranno abilitati per l'utilizzo del Flash senza l'intervento dell'utente. In questi casi il blocco non sarà attivato di default, ma solo per un anno, dopodiché riceveranno lo stesso trattamento di tutti gli altri.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.