Cambiasso, che beffa quel no a Ranieri

Share

Cambiasso, che beffa quel no a Ranieri

Leicester (Inghilterra) - E' finita ieri sera la lunga cavalcata del Leicester, club inglese allenato da Claudio Ranieri, che ha aspettato il risultato finale di Chelsea-Tottenham, derby londinese, per capire se sarebbe stato incoronato campione d'Inghilterra per la prima volta nella sua storia. E dire che gli Spurs avevano chiuso in vantaggio 2-0 il primo tempo. "Quando Cahill ha segnato ho pensato che forse qualcosa di bello poteva accadere e al gol di Hazard sono saltato, è normale". Al 44' io raddoppio con Son, ben servito in profondità da Eriksen, infilando Begovic in uscita.

Erano 38 anni che Oltremanica non si assisteva ad una storia del genere: l'ultima squadra a vincere la Premier per la prima volta nella sua storia era stato il Nottingham Forest nel 1978.

Un'impresa storica e sportivamente eccezionale, che porta la firma di un tecnico fin qui mai così in alto (lo definivano "eterno secondo"). E' la favola di Kante, motorino inesauribile per tutto l'arco della stagione: ma è soprattutto il trionfo di Ranieri, che dopo una carriera fatta di alti e bassi si prende la rivincita più bella. Succede anche a Leicester dove Vardy e compagni sono stati sostenuti durante tutta la loro cavalcata verso il successo da mogli, compagne e fidanzate. Il tecnico romano, però, ha deciso di dare alla squadra una giornata di riposo. La vittoria del Leicester fa gioire non solo i propri tifosi, ma anche mezza Europa, visto che questa squadra è entrata nei cuori di tutti gli appassionati di calcio.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.