Salvini gela Berlusconi: "Niente alleanza alle elezioni politiche"

Share

Salvini gela Berlusconi:

"Noi abbiamo ben chiaro come porre fine alla situazione creata con l'avvento di Renzi al governo, avvento non democratico -ha detto ancora-. Divisi perdiamo". Lo afferma Berlusconi.

Sulle comunali di Roma, invece, l'ex Cav ha precisato che "Bertolaso non l'ho sacrificato, è stato Bertolaso che con assoluta generosità è venuto da me e si è fatto da parte, pur restando a disposizione per una eventuale amministrazione nostra con Marchini". Alfio Marchini ha vinto le primarie organizzate dalla Lega ed era nelle sette proposte rivolte da Fratelli d'Italia ai propri iscritti. "Ieri ho riunito il vertice del partito e alla fine si sono convinti dopo aver ascoltato le mie spiegazioni". Queste le parole del leghista Matteo Salvini a Radio Padania, in merito alle scelte del leader di Forza Italia, che di fatto hanno indebolito la candidatura di Giorgia Meloni, mettendo in discussione anche i piani politici per il cambio di leadership del centrodestra. Da Giorgia Meloni e Matteo Salvini, infuriati con lui per la scelta di convergere su Marchini, "non mi aspettavo tanta durezza".

Que t'ultima ha ironizzato sugli ultimi eventi sostenendo che così facendo Marchini ha gettato la maschera dimostrando di non essere affatto distante dai partiti, ma di essere stato solamente in attesa di essere scelto da qualcuno.

Guido Bertolaso, sempre attraverso una nota, ha spiegato la sua decisione di non correre più per la carica di sindaco di Roma: "Fin dall'inizio - scrive- ho accettato di partecipare ad una sfida che sapevo difficile a causa delle fibrillazioni del sistema politico italiano". Il leader di Forza Italia, sostiene che non esiste alcun nuovo patto del Nazarero ma che l'unico obiettivo da perseguire tutti insieme è quello di mandare a casa Renzi e far cadere il suo governo, considerato e dunque definito abusivo, illegittimo e contro il voto del popolo.

Marchini, vera partita Meloni-Salvini è nazionale - "La reazione scomposta di Meloni e Salvini svela il loro gioco: per loro la vera partita sono le prossime elezioni nazionali. Tutto il resto è noia e folclore".

"A Roma voterò Alfio Marchini".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.